Smart working – Smart solutions

goals-2691265_1920-01

Cresce lo smart working in Italia portando con sè nuove forme di produttività ma anche rischi in materia di cybersecurity.

Sempre più aziende, ma anche le pubbliche amministrazioni, trovano vantaggioso il modello produttivo dello smart working e per questo introducono per alcuni dipendenti la flessibilità di luogo e orario e promuovono la responsabilizzazione sui risultati.

Lo smart working porta con sé però rischi in materia di cyber security che è bene conoscere per cercare di evitarli. Le minacce sono interne ed esterne all’azienda e riguardano la sicurezza dei dispositivi, delle reti e dei dati.

Il modo corretto per implementare soluzioni efficaci prevede l’impiego di tecnologia apposita e ottimizzata. Da sempre le soluzioni di Secure Remote Access o Secure Mobile Access consentono ai collaboratori di assolvere attività da remoto in piena sicurezza rispettando tutte le procedure e regole che sono presenti in azienda.
Il sistema di Secure Remote Access permette non solo di accedere da remoto alle risorse aziendali in totale sicurezza, ma filtra anche chi può accedervi: per esempio solo chi effettivamente utilizza un EndPoint aggiornato può farlo. Questo sistema digitale consente anche il cambio password sicuro e controllato e la pubblicazione di servizi esterni in modalità agevolata (html5) senza l’impiego di client dedicati, tramite sistemi di Multi Factor Authentication (MFA) o One Time Password (OTP TOPTP) o certificati digitale (PKI Based).

Lavorare da remoto agevola la proattività e la rapidità di risposta, aumenta la produttività e migliora la sostenibilità ambientale, a patto che il tutto venga eseguito con modalità sicura: le soluzioni tecnologiche ci sono, non resta altro che adottarle.